Per ripartire. Alcune considerazioni sul modello di sviluppo e la prospettiva dell'industria della Difesa

Per dare un senso all’≠iorestoacasa, evitando che Covid-19 possa nuovamente pregiudicare con la salute anche le condizioni di vita della comunità umana vanno enucleate le debolezze del modello di sviluppo in uso. In Italia, i tagli dovuti al rispetto delle regole dell’Unione monetaria hanno depotenziato dicasteri dedicati al presidio di diritti-doveri (salute, istruzione cultura e ricerca, difesa) essenziali a una comunità (nazionale) libera e umanamente evoluta e per questo garantiti dalla Carta Costituzionale. Si affronti senza pregiudizi il tema degli investimenti in mezzi di difesa e quello delle industrie del comparto. Non si faccia riferimento indifferentemente ad esse come “mercanti di morte”. Omettere qualsiasi riferimento ai rigorosi apparati normativi che regolano la progettazione, produzione e vendita delle armi significa non dare alcun peso alle specificità del settore e ignorare che, in diretta attuazione dei precetti costituzionali, il suo scopo primo è un servizio al Paese. Le caratteristiche intrinseche alle imprese operanti nell’aerospazio e nella difesa, ne fanno un volano strategico cui destinare risorse pubbliche per una qualificata ripresa del Paese.

Details: 
Rome, IAI, May 2020, 12 p.
Attachments: 
Issue: 
20|11
ISBN/ISSN/DOI: 
978-88-9368-132-2
Publication date: 
15/05/2020

1. Contesto
2. Riflessioni sull’attuale modello di sviluppo economico
3. Lo specifico del settore Difesa
Riferimenti

Research area

Tag