Print version

Silk Road Academic Connections: China–Italy Cooperation in Higher Education and Its Implications for the West

Autori:
11/10/2021

Nel più ampio rapporto Italia-Cina la cooperazione nell’istruzione superiore e nella ricerca rappresenta un aspetto positivo in quanto contribuisce al progresso dell’ambito scientifico e culturale in entrambi i paesi. La Cina ha investito somme ingenti per promuovere la cooperazione e gli scambi con l’accademia italiana, anche attraverso la creazione di una dozzina di Istituti Confucio e di alcune Classi Confucio. Le università italiane hanno avviato partenariati accademici con entità cinesi su quasi tutte le materie. Ciò ha migliorato le prospettive di ricerca dell’Italia, ma ha anche posto rischi inevitabili di autocensurarsi e di inchinarsi ai desideri cinesi. C’è stata inoltre un’ondata di sponsorizzazioni accademiche da parte di aziende cinesi, in particolare da parte di società Ict come Zte e Huawei, che solleva ulteriori preoccupazioni per gli interessi dell’Italia relativi alla sicurezza e alla cooperazione con i suoi alleati occidentali.

Studio preparato nell'ambito del progetto IAI “When Italy embraces the BRI”.

Contenuti collegati