Robert Springborg

Qualifica: 
Consigliere scientifico
Expertise: 
Egitto
Medioriente
Mediterraneo

Robert Springborg è consigliere scientifico presso l’Istituto Affari Internazionali (IAI). Precedentemente è stato Professor of National Security Affairs al Naval Postgraduate School, Monterey, e Program Manager for the Middle East per il Center for Civil-Military Relations;   ha ricoperto la cattedra MBI Al Jaber Chair in Middle East Studies alla School of Oriental and African Studies di Londra, dove è stato anche direttore del London Middle East Institute (Lmei); direttore dell'American Research Center in Egitto;  professore universitario del Middle East Politics alla Macquarie University di Sydney, Australia; e assistant professor di scienze politiche all'University of Pennsylvania. Ha inoltre insegnato alla University of California, Berkeley, al College of Europe, alla Paris School of International Affairs di Sciences Po, al Department of War Studies, King’s College, Londra, e alla University of Sydney. In 2016 è stato Kuwait Foundation Visiting Scholar, Middle East Initiative, Kennedy School, Harvard University.

Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Mubarak’s Egypt. Fragmentation of the Political Order (1989); Family Power and Politics in Egypt (1982); Legislative Politics in the Arab World (1999, insieme a Abdo Baaklini e Guilain Denoeux); Globalization and the Politics of Development in the Middle East prima e seconda edizione (2001 and 2010, insieme a Clement M. Henry); Oil and Democracy in Iraq (2007); Development Models in Muslim Contexts: Chinese, ‘Islamic’ and Neo-Liberal Alternatives (2009) e numerose edizioni di Politics in the Middle East (insieme a James A. Bill). Ha curato un volume sulla cultura popolare e l’identità politica nel Golfo apparso nel 2008. Ha pubblicato nelle più importanti riviste sul Medio Oriente ed è stato fondatore ed editorialista di The Middle East in London, un mensile pubblicato dal 2003.

aggiornato al 22 febbraio 2017

Whither the Arab Spring? 1989 or 1848?

Robert Springborg
p. 5-12
In: The International Spectator