Print version

Avviso di selezione - Programma Attori globali

Sommario:

  • Tipologia contrattuale: Contratto di Collaborazione Coordinata e Continuativa
  • Durata:12 mesi, gennaio-dicembre 2023, con possibilità di rinnovo
  • Sede: IAI, sede, Via dei Montecatini, 17 - Roma
  • Chiusura prevista del bando: 15 settembre 2022

 

Principali responsabilità del ruolo

 

L'Istituto Affari Internazionali (IAI) offre una posizione di ricercatore/ricercatrice responsabile per lo studio e la divulgazione di analisi sulla politica e la sicurezza internazionali, con particolare attenzione per la politica estera e di sicurezza dell’Ue e dei suoi stati membri. Competenze in materia di integrazione europea e politica interna degli stati membri e/o sulla politica estera di attori internazionali quali Stati Uniti, Cina e Russia (e altri) costituiranno titolo preferenziale.
Competeranno al ricercatore le seguenti attività:

  • supporto al coordinamento di un progetto pluriennale e multinazionale finanziato nell’ambito dell’Horizon 2020;
  • supporto al coordinamento di gruppi e progetti di ricerca;
  • espansione delle opportunità di finanziamento, dell’agenda di ricerca e del network del Programma Attori Globali dello IAI;
  • preparazione e redazione di rapporti di ricerca, analisi e commenti;
  • revisione dei documenti destinati alla pubblicazione;
  • organizzazione di seminari e conferenze e loro rendicontazione;
  • partecipazione in qualità di relatore a seminari e convegni;
  • interazione con i media su tematiche che rientrano nel suo expertise;
  • aggiornamento del sito IAI riguardo ai progetti di sua competenza.

 

Competenze e qualifiche richieste

 

Il candidato ideale deve possedere i seguenti requisiti:

  • aver conseguito un dottorato di ricerca o essere un dottorando con almeno tre anni di esperienza professionale nel campo della ricerca oppure avere almeno cinque anni di esperienza nel campo della ricerca;
  • possedere ottima conoscenza dell’inglese e dell’italiano scritti e parlati;
  • aver familiarità sia con la letteratura accademica che con il dibattito sulla politica estera e di sicurezza europea;
  • avere familiarità con le iniziative di finanziamento della ricerca dell’Ue e di altri enti pubblici e privati;
  • dimostrare capacità di lavorare in gruppo in modo collaborativo ed efficace.

 

Cosa offriamo

 

Al candidato prescelto sarà offerto un contratto di collaborazione coordinata e continuativa della durata di 12 mesi con decorrenza 1° gennaio 2023. Il compenso previsto è di € 22.800, al lordo degli oneri fiscali e previdenziali previsti dalla legge, che potrà essere corrisposto in rate mensili di pari importo. Il contratto potrà essere rinnovato.

Modalità di candidatura

I candidati interessati sono pregati di far pervenire all'indirizzo e-mail placement(at)iai.it entro e non oltre il 15 settembre 2022, ore 23:59 (CET), la seguente documentazione esclusivamente in formato .pdf:

  • curriculum vitae con esplicita autorizzazione al trattamento dei dati personali relativamente al GDPR 2016/679 in materia di ricerca e selezione del personale
  • lista delle pubblicazioni, delle quali almeno una disponibile full-text
  • breve lettera di presentazione
  • due referenze di un docente o di un datore di lavoro coerenti con le competenze accademiche e/o professionali del candidato
  • eventuali titoli aggiuntivi (es. Dottorato di ricerca – conseguito o in corso), esperienza lavorativa rilevante

Nell’oggetto dell’email dovrà essere indicato: COGNOME – Rif. JOINT-2023. Si prega di astenersi dal telefonare.

Le prove di selezione si svolgeranno a partire dal 25 settembre 2022 nella sede dello IAI o telematicamente in relazione alle restrizioni al movimento.

Non saranno inviate comunicazioni ai candidati non selezionati, che ringraziamo fin da ora per l’interesse mostrato.

La selezione sarà svolta a insindacabile giudizio della commissione esaminatrice.

Il presente annuncio è rivolto ad entrambi i sessi, ai sensi delle leggi 903/77 e 125/91 e a persone di tutte le età e tutte le nazionalità, ai sensi dei decreti legislativi 215/03 e 216/03.

 

Tag