Il conflitto in Somalia. Al-Shabaab tra radici locali e jihadismo globale

Non s’intravede al momento una via d’uscita dal conflitto che continua a devastare la Somalia. Né il Governo federale di transizione (Gft) né la forza dell’Unione Africana posta a protezione delle fragili istituzioni transitorie internazionalmente riconosciute sembrano in grado di debellare l’opposizione armata. Il movimento più importante che si batte contro le milizie del Gft è al-Shabaab, spesso descritto dai media come un gruppo affiliato alla rete terroristica di al-Qaida, ma che ha in realtà forti radici locali. La sua formazione e sviluppo sono infatti spiegabili solo alla luce dei cambiamenti politici e strategici che si sono verificati negli ultimi anni in Somalia e nel Corno d’Africa.

Authors: 
Details: 
Roma, Istituto affari internazionali, January 2011, 10 p.
Attachments: 
Issue: 
11|01
Publication date: 
24/01/2011

1. Introduzione
2. Per un’analisi critica su al-Shabaab
3. Breve quadro storico e ideologico del movimento
4. Tra jihadismo internazionale e dinamiche locali
5. Chi sostiene al-Shabaab?

Research area

Tag