Turchia, incognite del voto anticipato

Con un anno di anticipo rispetto alle previsioni, domenica 24 giugno la Turchia torna alle urne per le elezioni politiche e presidenziali. L'opposizione al presidente in carica Erdogan è netta, ma i suoi antagonisti - anche i più forti - non sembrano essere in grado di contrastarlo. Spiccano Selahattin Demirtas, candidato - in carcere - del Partito democratico dei popoli, il pro-curdo Hdp, e Muharrem Ince del Partito Popolare Repubblicano.

Tag