Print version

S-400: i missili della discordia

Si moltiplicano i temi di frizione fra l’Occidente e la Turchia. Pochi giorni fa sono arrivati nella base aeronautica Murted, a nord di Ankara, i primi carichi di attrezzature per l’installazione dei missili russi a lunga gittata S-400. Nelle prossime settimane piloti turchi saranno addestrati in Russia per imparare a usarli. Gli Stati Uniti si oppongono all'accordo, la Nato ne è preoccupata: Ankara era stata avvisata da Washington che un tale sviluppo avrebbe bloccato la fornitura di F-35 e il relativo addestramento di personale turco, oltre al programma congiunto di allestimento. E, intanto, ‘riaffiora’ tra Bruxelles e Ankara la controversa questione del Mar di Levante.

Contenuti collegati