Democrazia digitale: la protezione dei cittadini nell’era dei big data

13/02/2019, Roma
Democrazia digitale: la protezione dei cittadini nell’era dei big data

Questa conferenza ha posto sul tappeto una serie di tematiche innovative per l’assetto politico internazionale, offrendo un confronto fra speakers con una visione sia a livello globale che al livello italiano. La crescita del digitale necessita di definire o ridefinire una serie di relazioni per tenere conto dell’evoluzione del fattore tecnologico. Il recente “Appello di Parigi per la fiducia e la stabilità nello spazio cibernetico” che vede lo IAI fra i suoi co-firmatari, ha messo in rilievo la necessità di progredire nella regolamentazione internazionale dello spazio cibernetico che costituisce oggi, a tutti gli effetti, uno spazio politico. Al contempo, emerge l’esigenza della centralità dei cittadini, sempre più digitali, nell’era dei big data e delle sfide dell’Intelligenza artificiale, affinché la tecnologia sia a beneficio della società.

La conferenza, organizzata dallo IAI in collaborazione con Microsoft, ha messo a confronto uno dei più acuti dirigenti aziendali mondiali in materia (Brad Smith, Presidente Microsoft Corporation), con analisti (Nathalie Tocci, direttore dello IAI), rappresentanti del settore privato italiano (Francesco Profumo, Presidente della Compagnia di San Paolo), della diplomazia italiana (l’ambasciatore Francesco Talò) e del governo italiano (l’On. Angelo Tofalo, sottosegretario alla difesa). La conferenza ha inteso far progredire la conoscenza di queste tematiche in un contesto italiano, anche in una chiave di maggior posizionamento strategico del sistema paese.

Logo Microsoft

 

Area di ricerca

Tag