Russia's Foreign and Security Policy in the Middle East: Entering the 2020s

Con il suo impegno militare in Siria a partire dal 2015 la Russia è diventata uno dei principali attori esterni in Medio Oriente e Nord Africa. In diverse controversie regionali ha cercato di bilanciare e mediare, continuando a funzionare da garante della sicurezza dello stato siriano. Questo corso ha procurato a Mosca alcuni vantaggi pratici, come la crescente cooperazione economica e tecnico-militare con alcuni paesi della regione, e ha spinto il suo profilo internazionale. Ma con l’inizio del decennio 2020 sono anche aumentati i rischi di un impegno più attivo in Medio Oriente, rendendo più difficile l’azione di bilanciamento della Russia. Nei tre casi in cui il coinvolgimento della Russia è stato visibile (Siria, Libia e questione israelo-palestinese) gli attuali sviluppi mettono in forse l’influenza acquisita da Mosca e il suo approccio multi-vettoriale, offrendole però anche nuove opportunità di impegno e mediazione. Dopo la crisi Usa-Iran del 2020, in particolare, vi è la necessità urgente di un dialogo regionale strutturato, soprattutto nel Golfo Persico. Ciò richiede un’interazione diretta tra i principali antagonisti della regione, ma l’impulso iniziale per sbloccare l’impasse tra i paesi del Golfo potrebbe provenire dall’esterno. Il modello orientato al processo proposto dalla Russia nel 2019 per una sicurezza multilaterale inclusiva nel Golfo è un passo nella giusta direzione, ma per essere messo in atto potrebbe essere necessario farlo rientrare in una più ampia iniziativa internazionale.

Studio realizzato nell'ambito del progetto FEPS-IAI “Verso una nuova architettura di sicurezza in Medio Oriente”, giugno 2020.

Dati bibliografici: 
Roma, IAI, giugno 2020, 25 p.
Allegati: 
Numero: 
20|16
ISBN/ISSN/DOI: 
978-88-9368-136-0
Data pubblicazione: 
09/06/2020

Introduction
1. Russia’s balancing act in Syria
2. Libya: Does the Astana model apply?
3. Israel–Palestine: The peace process is dead, what role for Russia?
4. In lieu of conclusion: Russia’s Gulf security initiatives and the 2020 US–Iran crisis
References

Area di ricerca

Tag