Proposte di riforma della Politica europea di vicinato

Questo documento raccoglie le raccomandazioni e le proposte per la revisione attualmente in corso della Politica europea di vicinato (Pev), emerse durante un ciclo di dibattiti pubblici promosso dalla Rappresentanza della Commissione europea in Italia in collaborazione con l’Istituto Affari Internazionali, all’interno dell’iniziativa Citizens’ Dialogues. Attraverso l’analisi del caso libico ed ucraino, gli incontri hanno messo in evidenza i principali limiti ed inefficienze che hanno contraddistinto la Pev sin dal suo lancio. Sulla base di queste considerazioni, sono state formulate delle proposte di revisione tese a ripensare la natura della Pev – rafforzandone la sua dimensione politica – e ad assicurare una più efficiente gestione e definizione degli obiettivi – lavorando sugli incentivi offerti ai paesi partner. Le raccomandazioni proposte cercano di delineare una nuova Pev in grado di rispondere ad esigenze di breve periodo come ad obiettivi di lungo termine, nella probabile prospettiva di un arco di instabilità e crisi ai confini dell’Europa che si protrarrà nei prossimi anni.

Documento conclusivo di un progetto di ricerca condotto dall’Istituto Affari Internazionali (IAI) nell’ambito dell’iniziativa “Citizens’ Dialogues” promossa dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea.

.
Dati bibliografici: 
Roma, IAI, settembre 2015, 11 p.
Allegati: 
Numero: 
15|18
Data pubblicazione: 
28/09/2015

Introduzione
1. Dalla Libia all’Ucraina, le ragioni del fallimento della Pev
2. Una nuova politica per il vicinato europeo
2.1 Ripensare la natura della Pev: rafforzare la dimensione politica
2.2 Esplicitare gli obiettivi della Pev: lavorare sugli incentivi

Contenuti collegati: 

Area di ricerca

Tag