The New Energy Resources in the Centre-East Mediterranean: Potential Current and Future Geo-Strategic Consequences

La scoperta di importanti giacimenti di gas al largo delle coste israeliane, cipriote e egiziane potrebbe non solo contribuire a soddisfare il fabbisogno energetico di questi paesi, ma avere anche conseguenze rilevanti per i rapporti geopolitici nella regione e con l’Europa. Tali scoperte hanno già avuto un ruolo primario nell'accordo di riconciliazione tra Israele e Turchia, e hanno fornito un nuovo contesto per la ripresa dei negoziati tra le due parti a Cipro. Ma anche le situazioni più intricate, come i rapporti ora inesistenti tra Egitto e Turchia, o quelli tra Israele e Libano, potrebbero essere gestite attraverso triangolazioni – “collaborazioni trilaterali” – come quelle già in essere tra Cipro, Israele e Grecia o tra Cipro, Egitto e Grecia. L’entità delle risorse è tale da permettere anche le esportazioni verso l’Europa, aiutando quest’ultima a diversificare le sue fonti di approvvigionamento, dando nuova stabilità al suo mix energetico e favorendo lo sviluppo di una cooperazione bilaterale e equilibrata tra le due sponde del Mediterraneo.

Paper preparato per il Centro italiano per la pace in Medio Oriente (CIPMO), ottobre 2016. Presentato alla conferenza internazionale “Cooperazione regionale e sviluppo delle risorse energetiche nel Mediterraneo Centro-orientale” tenutasi a Roma il 19 ottobre 2016 e organizzata dal CIPMO e dall'Istituto Affari Internazionali (IAI) con il sostegno dell'Eni.

Autori: 
Dati bibliografici: 
Roma, IAI, novembre 2016, 11 p.
Allegati: 
Numero: 
16|32
ISBN/ISSN/DOI: 
978-88-9368-012-7
Data pubblicazione: 
23/11/2016

Foreword
The geostrategic context and the role of the main players

Egypt
Israel
Turkey
Cyprus
Greece
Lebanon
Conclusions

Area di ricerca

Tag