Military Technology: Risks and Opportunities for the Atlantic Alliance

Nella guerra del futuro un ruolo cruciale sarà svolto dalle cosiddette tecnologie militari dirompenti. Investire in questo campo richiede da un lato un impegno politico a lungo termine e dall’altro ingenti risorse economiche, umane e industriali. La Nato ha sempre posto una grande enfasi sull’elevato livello tecnologico delle sue forze armate. È risultato tuttavia chiaro il divario tecnologico tra le due sponde dell'Atlantico. Gli Stati Uniti possiedono una chiara visione politica e le capacità necessarie per un ulteriore sviluppo di un esercito tecnologicamente avanzato, mentre ai membri europei della NATO manca una strategia unitaria, nonché le risorse finanziarie e il tessuto industriale necessari per affrontare in modo adeguato le nuove sfide tecnologiche. La sovranità tecnologica risulta quindi sempre più una componente critica per il futuro della sicurezza europea.

Rapporto del seminario “Military Technology: Risks and Opportunities for the Atlantic Alliance” organizzato a Roma il 27-28 febbraio 2020 dall'Istituto Affari Internazionali (IAI) in collaborazione con il NATO Defense College (NDC).

Dati bibliografici: 
Roma, IAI, maggio 2020, 11 p.
Allegati: 
Numero: 
20|10
Data pubblicazione: 
04/05/2020

Introduction
1. Military technology in 2020–2040, a 4th industrial revolution? Opportunities and challenges
2. Allied capabilities between requirements and planning, gaps and interoperability
3. Transatlantic relations and defence: Overcoming tensions, finding a way ahead

Area di ricerca

Tag