Making (Non)Sense of Turkey's Policy on Kobane

La Turchia persegue tre obiettivi in Siria: eliminare Bashar al Assad, indebolire il Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk) e sconfiggere lo Stato islamico d'Iraq e Siria (Isis). Il problema è che questi tre obiettivi sono incompatibili, almeno nel breve periodo. Ma mentre gli ultimi due sono davvero coerenti con gli interessi nazionali di sicurezza della Turchia, il primo non lo è. Un approccio prgamatico al regime siriano e all'Iran non significa gettarsi in alleanze indissolubili con partner sgradevoli, né significa abbandonare dei principi. Probabilmente diversificare le alleanze - ora solo con i sunniti - può rappresentare un valore aggiunto in un Medio Oriente ormai "settario".

Documento prodotto nell'ambito del progetto Turkey, Europe and the World. Vedi anche "Opinion: Turkey's misguided Syria policy", in Deutsche Welle, 4 November 2014.

Autori: 
Dati bibliografici: 
Roma, Istituto affari internazionali, novembre 2014, 2 p.
Allegati: 
Numero: 
Commentary 16
Data pubblicazione: 
04/11/2014
Contenuti collegati: 

Area di ricerca

Tag