A Long-Term Perspective on NATO and the Multinational Order

L’evolversi delle minacce esterne sta influenzando le dinamiche politiche interne dei paesi Nato e sta accentuando varie tendenze già esistenti – differenze nella percezione delle minacce, difficoltà nella condivisione degli oneri, problemi nel rispondere alle minacce sub-soglia e aumento del populismo – e che nell’insieme influenzano la coesione (e potenzialmente l’efficacia) della Nato come alleanza politica e militare. Il futuro operativo della Nato sarà plasmato nei prossimi decenni da una leadership transatlantica che si ingegnerà a sviluppare nuovi accordi di cooperazione istituzionale tra l’Alleanza e le nascenti forme di “coalizioni di volenterosi”. L’Alleanza resterà tuttavia il principale forum politico transatlantico, considerate la Brexit e la crescente necessità di una risposta politica comune ai numerosi problemi, che vanno dalla migrazione agli stati falliti. La Nato ha avuto relativamente successo nell’adattarsi a un contesto di sicurezza mutevole e le sue capacità militari rimangono ineguagliabili e senza rivali. La domanda più interessante è tuttavia quella politica. Vale a dire come la politica a sostegno di questa Alleanza viene definita dalle sottostanti dinamiche che stanno trasformando il contesto politico, economico e militare globale. Il saggio è diviso in tre sezioni.

Autori: 
Dati bibliografici: 
Roma, IAI, dicembre 2019, 16 p.
Allegati: 
Numero: 
19|24
ISBN/ISSN/DOI: 
978-88-9368-116-2
Data pubblicazione: 
02/12/2019

1. The transformation of the external security landscape
1.1 The early years
1.2 The 2010 Strategic Concept
1.3 The current threat environment
2. The internal landscape
2.1 Disparities in the threat perception
2.2 The burden-sharing debate
2.3 The challenge of sub-threshold threats
2.4 The dilemma of populism
3. The way forward
References

Area di ricerca

Tag