Per l'Italia quale carro armato dopo l'Ariete?

Dopo anni in cui la componente pesante degli eserciti sembrava aver perso la sua importanza, il ritorno a partire dal 2014 del rischio di scontri ad alta intensità in Europa, accompagnato da una componente ibrida e asimmetrica crescente, rende necessario per i Paesi Nato investire di nuovo sui carri armati. Quest’esigenza diventa ancora più pressante per quei Paesi i cui mezzi sono al termine della propria vita operativa e risentono di anni di mancato investimento e aggiornamento. Questa è la situazione dell’Italia – ma anche di buona parte degli eserciti in Europa – che si trova a dover pensare, con tempistiche molto strette, quale carro armato sostituirà l’Ariete attualmente in servizio, con chi produrlo e in che modo.

Rapporto dell’incontro di lavoro ristretto “I Main Battle Tank (Mbt) in Europa e le opzioni per l’Italia”, tenutosi a Roma il 25 maggio 2020 presso il Centro Alti Studi della Difesa (CASD) e organizzato dall’Istituto Affari Internazionali (IAI).

Autori: 
Dati bibliografici: 
Roma, IAI, giugno 2020, 9 p.
Allegati: 
Numero: 
20|12
Data pubblicazione: 
12/06/2020

Introduzione
1. Il parco macchine in Europa e quello della Russia
2. Le caratteristiche operative del nuovo carro
3. Prospettive di cooperazione europea
4. Le necessità italiane e le possibili soluzioni

Area di ricerca

Tag