Internet Freedom and Freedom of Expression in Turkey

La repressione delle proteste a Taksim e Gezi Park da parte delle autorità turche presenta forti connotazioni autoritarie e riflette il timore del governo turco per l'espressione pubblica di qualsiasi forma di dissenso. Negli ultimi tre anni in Turchia il cose sono andate di male in peggio per ciò che riguarda la libera espressione in Internet. Nel 2011 il governo turco ha proposto un "filtraggio volontario" per i provider turchi. A partire dallo stesso anno, oltre alla censura, il governo turco ha anche provveduto ad aumentare sistematicamente la propria capacità di sorveglianza. Nel 2014 tutto ciò ha portato ad un divieto assoluto per l'uso di Twitter subito prima delle cruciali elezioni di marzo. Un divieto analogo è stato istituito per YouTube.

Documento prodotto nell'ambito del progetto Turkey, Europe and the World.

Autori: 
Dati bibliografici: 
Roma, Istituto affari internazionali, luglio 2014, 3 p.
Allegati: 
Numero: 
Commentary 12
Data pubblicazione: 
24/07/2014
Contenuti collegati: 

Area di ricerca

Tag