#ElectricYerevan: Why Armenia's Future is in Europe

In Armenia l’aumento del costo dell'elettricità e, più in generale, il deteriorarsi delle condizioni economiche hanno dato il via alle proteste di piazza a Yerevan. Ma in questa "Armenia elettrica" c'è qualcosa di più dell’economia. Questioni di sicurezza legate al conflitto irrisolto del Nagorno-Karabakh hanno costretto Yerevan ad un’alleanza militare con la Russia. Mosca non si è fermata qui, ma ha usato questa alleanza per stabilire una dipendenza economica e politica a tutti gli effetti dell'Armenia dal Cremlino. Per accontentare la Russia, le decisioni dei governanti in Armenia sono sempre più spesso calate dall’alto. Questo nonostante una società civile fiorente, abbastanza matura da lottare in difesa dei valori democratici. In Armenia stanno emergendo nuove forme di cittadinanza attiva, come i movimenti giovanili che hanno alzato la voce in via Baghramyan. Queste manifestazioni non porteranno l’Armenia ad una svolta, a un’immediata inversione di marcia nelle sue priorità di politica interna ed estera, ma si intravede all’orizzonte uno scontro Armenia-Russia, che può esacerbare lo scontro in atto tra Ue e Russia.

Autori: 
Dati bibliografici: 
Roma, IAI, luglio 2015, 11 p.
Allegati: 
Numero: 
15|22
ISBN/ISSN/DOI: 
978-88-98650-46-0
Data pubblicazione: 
13/07/2015

Introduction
1. The causes and driving factors of the Armenian protests
2. Russia keeping a close eye on Armenia
3. A new generation of Armenian civil society
Conclusion

Area di ricerca

Tag