COVID-19 and the Foreign Policy Perceptions of US Public and Elites

Negli Stati Uniti la pandemia da Covid-19 ha esacerbato la polarizzazione dell’opinione pubblica e delle élite riguardo alla politica estera. Dai sondaggi d’opinione emerge che i repubblicani preferiscono agire da soli e hanno paura della Cina, del terrorismo internazionale e dell’immigrazione. I democratici vedono nel Covid-19 e nel cambiamento climatico i maggiori problemi internazionali e preferiscono soluzioni multilaterali. Questa divisione riflette le divergenze nell’opinione delle élite. I conservatori restano legati al primato militare degli Stati Uniti e la pandemia ha accresciuto la loro brama di confrontarsi con la Cina. I liberali internazionalisti, pur riconoscendo i difetti dell’ordine post-1945 e la sua inadeguatezza a gestire le sfide contemporanee, vanno in cerca di adattamenti vari ma senza rinunciare alla leadership globale degli Stati Uniti. Davanti a sfide immense e un ambiente politico tossico, il presidente Joe Biden – un politico stile 20° secolo – potrebbe benissimo rifarsi a vecchi obiettivi piuttosto che abbracciare nuovi approcci per le nuove complessità mondiali del 21° secolo.

Paper presentato in un webinar sulle relazioni transatlantiche organizzato il 5 novembre 2020 dall’Istituto Affari Internazionali (IAI) e della Deutsche Gesellschaft für Auswärtige Politik (DGAP) in collaborazione con il Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, la Compagnia di San Paolo, il Friedrich Ebert Stiftung (Ufficio di Roma) e l’Ambasciata degli Stati Uniti in Italia.

Autori: 
Dati bibliografici: 
Roma, IAI, novembre 2020, 21 p.
Allegati: 
Numero: 
20|36
ISBN/ISSN/DOI: 
978-88-9368-158-2
Data pubblicazione: 
17/11/2020

Introduction
1. Post-COVID public perceptions of US foreign policy
2. Post-COVID elite perceptions of US foreign policy
2.1 The future of US global leadership
2.2 What is security?
2.3 Trade and globalisation
2.4 Relations with China
Conclusion
References

Area di ricerca

Tag