2020: The American Revolution that Wasn't

In risposta alla pandemia da Covid-19 il governo negli Stati Uniti ha intrapreso, a tutti i livelli, interventi a breve termine importanti (lockdown, sussidi e controllo dell’economia). Ma per tutto il 2020 ci si è chiesti quali sarebbero state le implicazioni a lungo termine nel rapporto società-Stato. Trasformazioni permanenti di tale rapporto si sono basate in passato su cambiamenti relativi al federalismo e al liberalismo, di solito in un riallineamento politico spinto da una nuova e coerente narrativa di solidarietà americana. All’inizio del 2020 una instabilità in questi profili strutturali e ideologici della governance ha fatto credere possibile un cambiamento permanente in primavera. Ma durante l’estate e poi in autunno si sono riaffermati la faziosità e uno spirito da “tribù” e la polarizzazione politica ha reso improbabile qualsiasi trasformazione duratura del rapporto società-Stato.

Paper presentato in un webinar sulle relazioni transatlantiche organizzato il 5 novembre 2020 dall’Istituto Affari Internazionali (IAI) e della Deutsche Gesellschaft für Auswärtige Politik (DGAP) in collaborazione con il Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, la Compagnia di San Paolo, il Friedrich Ebert Stiftung (Ufficio di Roma) e l’Ambasciata degli Stati Uniti in Italia.

Autori: 
Dati bibliografici: 
Roma, IAI, novembre 2020, 24 p.
Allegati: 
Numero: 
20|35
ISBN/ISSN/DOI: 
978-88-9368-157-5
Data pubblicazione: 
16/11/2020

Introduction
1. Winter of disregard
2. Springtime for the state?
3. Summer of fracture
4. The fall of Democratic hopes
References

Area di ricerca

Tag