Print version

Trump tigre e gattino, Sessions in Russiagate

Sono cambiati i toni, ma non le parole: nel suo primo discorso al Congresso in plenaria, Donald Trump conferma i piani per rifare grande l’America. Meno tasse, più muri, via l’Obamacare. La Nato non è più obsoleta ma gli alleati devono comunque fare di più. Intanto i democratici chiedono le dimissioni del segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, reo - come Michael Flynn – d’avere taciuto i suoi incontri con l’ambasciatore russo a Washington mentre era, oltre che senatore, consigliere per la campagna di Trump.

Contenuti collegati