Asia ed Europa nel XXI secolo. Le sfide delle nuove Vie della Seta

30/06/2016, Roma
Asia ed Europa nel XXI secolo

Il 30 giugno si è svolto a Roma il seminario Asia-Europe Meeting (ASEM) “Asia ed Europa nel XXI secolo: Le sfide delle nuove Vie della Seta”, organizzato dall’Istituto Affari Internazionali (IAI) in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) e la Camera dei Deputati. Fondato a Bangkok nel 1996 con l’obiettivo di colmare i crescenti divari politici, economici e culturali fra le due regioni e promuovere iniziative di cooperazione, l’ASEM, che celebra quest’anno il suo ventesimo anniversario, terrà il suo Vertice annuale ad Ulaanbaatar, in Mongolia, il 15-16 luglio 2016, paese in cui l’Italia ha appena aperto una rappresentanza diplomatica.

Introducendo i lavori, la Vicepresidente della Camera dei Deputati, On. Marina Sereni, e il presidente dello IAI, Amb. Ferdinando Nelli Feroci, hanno sottolineato il ruolo del processo ASEM nel facilitare le relazioni e il dialogo tra Asia ed Europa. Pur essendo un raggruppamento informale, un forum di dialogo senza un segretariato permanente, l’ASEM può porre le basi e dare un importante impulso politico a progetti e iniziative di cooperazione la cui attuazione può essere assicurata da organizzazioni più strutturate e con un mandato più operativo. Il Sen. Della Vedova, Sottosegretario MAECI, ha messo in rilievo le enormi e crescenti potenzialità delle economie asiatiche e il conseguente interesse dell’Italia nel processo Asem come strumento cruciale per favorire lo sviluppo della connettività economica ed infrastrutturale tra i due continenti.

Il convegno si è articolato in due sessioni, la prima dedicata alle tematiche della sicurezza, la seconda alla connettività economica. Gli esperti della prima sessione hanno offerto punti di vista diversi sull’effettiva capacità dell’Ue di assumere un ruolo di sicurezza nel contesto asiatico, come indicato dalla “Strategia globale” presentata dall’Alto Rappresentante Federica Mogherini all’ultimo Consiglio europeo. Si è però  convenuto che, grazie al suo “soft power” e all’esperienza maturata nel contesto europeo, l’Ue può dare un contributo rilevante alla creazione di strumenti per la sicurezza cooperativa nel contesto asiatico. L’Ue continua ad essere vitalmente interessata non solo a promuovere il dialogo politico all’interno di forum come l’Asem, ma anche a coltivare relazioni speciali con organizzazioni regionali che hanno dimostrato potenzialità rilevanti anche nel campo della cooperazione politica e di sicurezza, come l’Asean.

I relatori del secondo panel hanno invece discusso le opportunità di collaborazione in materia commerciale e finanziaria. Il dibattito si è concentrato sulla politica commerciale dell’Unione Europea, in particolare sulla difficoltà a perseguire una strategia coerente ed efficace nei confronti dei principali partner asiatici. Sono state esaminate le prospettive dei negoziati commerciali in corso fra Ue e diversi paesi asiatici e le questioni inerenti alla concessione alla Cina dello status di economia di mercato. Si è rilevato come in Asia prevalga ancora nettamente il commercio intraregionale, ma si è anche posto in rilievo come iniziative quali la Banca Asiatica per gli Investimenti Infrastrutturali (AIIB) e l’iniziativa OneBeltOne Road (OBOR) cinese offrano ai paesi europei importanti opportunità per consolidare e ampliare la cooperazione economica con l’Asia nel prossimo futuro. E’ altresì emersa l’indicazione che non si trascuri la dimensione sociale e culturale del processo Asem alla luce del diffuso malessere e scontento per l’impatto dei processi di globalizzazione, un fenomeno che potrebbe interessare sempre più anche l’Asia.

Intervenendo a conclusione del convegno, il Senatore Pierferdinando Casini, presidente della Commissione Esteri, ha ribadito la necessità di incontri come questo, volti a colmare il deficit di conoscenza e informazioni sulle relazioni tra Ue e Asia, e ha posto l’accento sul ruolo che possono svolgere iniziative di cooperazione come quelle promosse dall’Asem.

Area di ricerca

Tag