L'industrializzazione del Mediterraneo. Movimenti di manodopera e capitali

L'industrializzazione dei paesi del Mediterraneo appare senza dubbio modesta. Nei paesi mediterranei meno sviluppati le condizioni coloniali e semicoloniali prevalenti fino a pochi anni addietro hanno consentito solo una qualche espansione dei settori manifatturieri legati alla sostituzione delle importazioni. Ragioni strategiche hanno persino impedito l'industrializzazione legata alla valorizzazione delle materie prime locali, com'è accaduto per la raffinazione del petrolio. Dopo l'indipendenza, i paesi del Mediterraneo hanno cominciato a fondare, oltre che un'industria di base, anche un settore manifatturiero nel tentativo di avviare una rapida evoluzione dell'occupazione e del reddito. Questi sforzi, dopo il 1973, si sono fatti più intensi, mentre la volontà di industrializzare l'economia si è vieppiù precisata. Questo volume si interessa appunto al problema dell'industrializzazione del Mediterraneo e della creazione delle premesse necessarie alla nascita di un importante settore manifatturiero nell'area. Esso esamina di questo sviluppo le condizioni esterne, cioè i movimenti di manodopera e di capitali. Investimenti esteri, cooperazione, trasferimento di tecnologie, divisione internazionale del lavoro e movimenti internazionali di manodopera, sono tutti argomenti fra loro legati, di grande importanza nel Mediterraneo, i quali, in varia misura, vengono toccati da coloro che hanno contribuito a questo volume. Aliboni, che lo ha anche curato, esamina le prospettive degli investimenti internazionali e i loro riflessi per i paesi del Mediterraneo. Luciani analizza, alla luce di un'inchiesta, i possibili comportamenti delle imprese multinazionali. Sassoon chiude il volume con un saggio in cui studia l'interazione fra investimenti esteri e movimenti di manodopera nel Mediterraneo.

Volume produced in the framework of the research project “Sviluppo e stabilità nell'area mediterranea” conducted by the Istituto Affari Internazionali (IAI) and funded by the Ford Foundation. Chapters 1-3 published also in English in The International Spectator: chapter 1 in Vol. 12, No. 2 (April-June 1977) and chapters 2-3 in Vol. 11, No. 1 (January-March 1976).

Editors: 
Details: 
Bologna, Il mulino, July 1977, 191 p.
Issue: 
42
Publication date: 
01/07/1977

Introduzione, di Roberto Aliboni, p. 7-12

I. Impieghi e investimenti internazionali nel Mediterraneo, di Roberto Aliboni, p. 13-38
Gli investimenti internazionali
Investimenti esteri e decentramento nel Mediterraneo
Il ruolo mediterraneo della Germania
Gli investimenti dei paesi produttori di petrolio
Conclusioni
Riferimenti bibliografici

II. La strategia delle imprese multinazionali nel Mediterraneo, di Giacomo Luciani, p. 39-71
Introduzione ed alcune definizioni
L'esperienza del passato
L'atteggiamento dei governi dell'area mediterranea verso le imprese multinazionali
Diverse forme di intervento delle multinazionali e loro significato
Il problema del mercato locale
Diversità del comportamento delle multinazionali a seconda del settore di attività principale e del paese d'origine
I riflessi della congiuntura in Europa
Una strategia africana?
Ignoranza ed azione politica
Conclusioni
Riferimenti bibliografici

III. Movimenti di lavoro e capitale nel Mediterraneo, di Joseph Sassoon, p. 73-186
Introduzione
Il problema delle disponibilità di lavoro in Europa
Immigrazione, profitti e stabilita sociale
L'alternativa dell'investimento estero
Conclusioni: Tendenze recenti e prospettive
Riferimenti bibliografici

Indice delle tabella, p. 189-191

Research area

Tag