EU60: Re-founding Europe. The Responsibility to Propose

Negli ultimi anni, numerose sfide hanno intaccato le fondamenta del progetto di integrazione dell’Unione europea, producendo minacce esistenziali per la stessa Ue sotto il profilo istituzionale, politico e sociale. L’obiettivo di questo progetto – lanciato insieme al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), in collaborazione con il Centro Studi sul Federalismo, e nell’ambito del partenariato strategico con la Compagnia di San Paolo – è quello di indagare le modalità di una possibile iniziativa congiunta dei sei Paesi fondatori della Comunità europea in grado di affrontare i dilemmi della governance europea e dei suoi equilibri istituzionali. A tal fine, la ricerca si propone di identificare una serie di opzioni e raccomandazioni politiche per i principali settori d’azione dell’Unione. I differenti aspetti della futura governance dell’Ue verranno affrontati attraverso un’analisi delle opportunità e delle sfide derivanti da un’integrazione differenziata degli Stati membri che risulti in grado di affrontare le priorità politiche dell’Ue, quali il consolidamento dell’integrazione politica ed economica dell’eurozona, la costruzione di un’Europa più sociale, e il rafforzamento del ruolo internazionale dell’Ue. Le attività principali del progetto prevedono la costituzione di un gruppo di studio composto da ricercatori e rappresentanti dei Ministeri degli affari esteri dei sei Paesi fondatori. I contributi ed i risultati del progetto saranno presentati e discussi in due eventi che si terranno a Roma nel corso del 2017, in coincidenza con le celebrazioni del 60º anniversario della firma dei Trattati di Roma.

Data inizio/fine:
 2016 - in corso
Contenuti collegati: 
(Pubblicazione) The EU's Existential Threat - 14/02/2017
(Pubblicazione) The Future of a More Differentiated E(M)U - 14/02/2017
(Ricerca) Governing Europe

Area di ricerca

Tag