Turkish Boots Will Remain on Turkish Ground. Why is Turkey Reluctant to "Do What it Takes" at Kobane?

Kobane, dal luglio 2012 una enclave curda al confine tra Siria e Turchia, è ora l'epicentro della lotta internazionale contro lo Stato islamico. Erdogan ha rifiutato di entrare a far parte della coalizione militare contro gli estremisti, guidata dagli Stati Uniti, nonostante forti pressioni nazionali e internazionali. Questo breve saggio sostiene che il conflitto a Kobane rappresenta per Erdogan un'opportunità fuori dagli schemi per risolvere in suo favore la questione dell'indipendenza curda. La Turchia inoltre, preoccupata per le conseguenze dell'intervento militare nel Levante, preferirebbe la creazione di una no-fly zone sulla Siria e di un corridoio umanitario lungo il confine turco-siriano.

Documento prodotto nell'ambito del progetto Turkey, Europe and the World.

Autori: 
Dati bibliografici: 
Roma, Istituto affari internazionali, novembre 2014, 3 p.
Allegati: 
Numero: 
Commentary 17
Data pubblicazione: 
04/11/2014
Contenuti collegati: 

Area di ricerca

Tag