Serious and Existential: The Clinton and Trump Challenges to Transatlantic Relations

Per lungo tempo le relazioni transatlantiche sono state prevedibili e la stabilità ha lavorato a favore degli interessi dei partner transatlantici. Per gli Stati Uniti gli alleati europei – singolarmente e attraverso i forum Nato e Ue – hanno continuato ad essere i partner principali. Per l’Europa la Nato è servita a mantenere gli americani coinvolti nelle questioni europee. Ma oggi, per la prima volta da generazioni, un candidato alla presidenza degli Stati Uniti ha messo in discussione il concetto stesso di “alleanza”. Il candidato repubblicano Donald Trump afferma infatti che senza un radicale cambiamento degli oneri e degli scopi della Nato, sotto la sua presidenza l’America semplicemente se ne andrà dall’Europa. Il candidato democratico, Hillary Clinton, rappresenta una sfida molto meno importante per la Nato. Ma il suo approccio alla Russia, così come la sempre più insistente richiesta Usa affinché gli europei si assumano una maggiore responsabilità per la propria sicurezza, rappresenterà comunque una seria sfida per i leader europei.

Paper presentato alla nona edizione del Transatlantic Security Symposium intitolata “Europe’s Security Governance and Transatlantic Relations”, Roma, 29-30 settembre 2016. Pubblicato anche: "The everyday and the existential: how Clinton and Trump challenge transatlantic relations", in ECFR Policy Memos, 12 ottobre 2016, ISBN 978-1-910118-90-0.

Autori: 
Dati bibliografici: 
Roma, IAI, ottobre 2016, 17 p.
Allegati: 
Numero: 
16|26
ISBN/ISSN/DOI: 
978-88-9368-006-6
Data pubblicazione: 
11/10/2016

Introduction
1. Trump’s existential challenge
1.1 America’s crappy allies
1.2 Bad trade deals
1.3 The advantage of the strong man
1.4 The Trump challenge to the transatlantic alliance
2. Clinton’s serious challenge
2.1 The essential continuity between Obama and Clinton
2.2 A gendered foreign policy
2.3 Clinton’s Russia problem
3. Challenges on both sides
References

Area di ricerca

Tag