Scegliere per contare. Sintesi e raccomandazioni del Rapporto sulla politica estera italiana edizione 2014

Negli ultimi anni il sommarsi di crisi interna ed esterna ha messo l'Italia in una posizione di particolare svantaggio. L'economia europea e mondiale sono ora in ripresa e appaiono meno soggette a rischi sistemici, ma l'Italia ha difficoltà a trarne pieno beneficio perché la sua struttura economica, e di riflesso il suo tessuto sociale, si sono notevolmente indeboliti. Anche il quadro politico europeo continua a non essere dei più favorevoli. Gli assetti interni all'Unione europea rimangono incerti e sono venuti emergendo una serie di fattori che possono minare l'assetto di sicurezza in Europa, primo fra tutti le tensioni con la Russia generate dalla crisi ucraina. Per l'Italia la sfida è duplice: a) continuare, anzi riprendere con più coerenza e determinazione, il percorso di riforma interna necessario per riacquistare stabilmente credibilità internazionale; b) aggiornare la propria strategia complessiva di politica estera alla luce dei cambiamenti del quadro europeo e internazionale. In particolare, alcune politiche, come quella migratoria e di difesa, vanno profondamente riviste. In cambio di un concreto programma di riforme, l'Italia può ottenere da Bruxelles una maggiore flessibilità nel rispetto dei parametri fiscali. Ma deve anche insistere per alcune modifiche sostanziali della strategia e dell'agenda di politica estera dell'Ue. Il primo banco di prova è la presidenza italiana dell'Ue nel secondo semestre del 2014.

Sintesi e raccomandazioni del Rapporto sulla politica estera italiana edizione 2014, presentato dall'Istituto Affari Internazionali (IAI) alla tavola rotonda su "Italia, Europa, Mondo: scegliere per contare", Roma, 16 aprile 2014.

Dati bibliografici: 
Roma, Istituto affari internazionali, aprile 2014, 17 p.
Allegati: 
Numero: 
14|06
Data pubblicazione: 
16/04/2014

Un percorso da completare
La sfida della credibilità
Uno scambio politico con Bruxelles
I tre pilastri dell'azione dell'Italia nell'Ue
Compiti e opportunità della presidenza italiana dell'Ue
Risposta alla crisi ucraina
Priorità dell'Italia per l'agenda di politica estera dell'Ue
Strategia e difesa europea
Le sfide del Mediterraneo e del Medioriente
Prospettive di partenariato nell'Africa subsahariana
Una strategia per la Cina
Un ruolo da preservare nel quadro globale
Le scelte strategiche della politica di sicurezza e difesa
I banchi di prova del diritto internazionale
Un nuovo approccio alla questione migratoria
Internazionalizzazione e attrazione degli investimenti
Le direttrici della politica energetica

Contenuti collegati: 

Area di ricerca

Tag