Priorities of the Italian Presidency of the European Union in 2014

Nella seconda metà del 2014 l'Italia assumerà la presidenza del Consiglio dell'Unione europea, in accordo con un calendario di rotazioni deciso anni fa. La responsabilità della Presidenza di turno è stata ampiamente ridefinita dal trattato di Lisbona, che ha introdotto diverse innovazioni volte a eliminare l'eccessiva frammentazione nei programmi di lavoro dell'Unione legata alla rotazione semestrale della presidenza. La presidenza di turno rimane comunque un'opportunità per concentrare l'attenzione del paese - governo, amministrazione e opinione pubblica - sull'agenda europea e su come sviluppare una visione comune degli obiettivi da raggiungere in Europa e degli interessi nazionali nel quadro europeo. Costituisce uno stimolo a migliorare la resa del paese nei vari aspetti della sua partecipazione all'Ue: migliore utilizzo dei fondi strutturali europei, maggiore accesso ai finanziamenti europei per la ricerca e l'innovazione, riduzione del numero di procedure di infrazione, tempi più brevi per il recepimento delle direttive europee nel diritto nazionale, e così via. In questo documento lo IAI tenta di esaminare le sfide e le opportunità che attendono l'Italia, nel momento in cui il paese si prepara ad assumere la presidenza dell'Unione europea il 1° luglio di quest'anno.

Background paper per la TEPSA Pre-Presidency Conference su "Priorities and Challenges of the Italian Presidency 2014", Roma, 24-25 marzo 2014.
La conferenza è stata organizzata in collaborazione con la rete Tepsa e il Centro studi sul federalismo, e con il sostegno del Ministero degli Affari esteri e della Rappresentanza in Italia della Commissione europea.

Dati bibliografici: 
14 p.
Data pubblicazione: 
14/03/2014

Introduction
1. Towards better economic governance: how to improve Eurozone stability and resilience and stimulate growth and employment
2. Towards a Common European Foreign and Security Policy: some practical steps ahead
3. The Common Security and Defense Policy in the post-December 2013 European Council
4. Toward a more effective EU immigration policy
5. What we expect from the new EU leadership: tasks ahead and the need for greater institutional effectiveness and legitimacy

Area di ricerca

Tag