The Evolution of Turkey's Syria Policy

L’interazione della Turchia con il Medio Oriente è aumentata dalla fine del 2002, quando il Partito per la giustizia e lo sviluppo (Akp) è andato al potere. La Siria è stata il banco di prova di questa nuova politica “neo-ottomana”, volta a migliorare le relazioni commerciali e politiche con tutti i paesi vicini. Analizzando l’evolversi della politica della Turchia verso la Siria sotto il governo dell’Akp è possibile distinguere tre fasi. La prima è stata caratterizzata da un’adozione sistematica della politica “zero problemi con i vicini”, che ha portato a un generale miglioramento delle relazioni. L’avvio della seconda fase ha coinciso con l’inizio della guerra civile in Siria, che ha spinto il governo turco ad archiviare la politica “zero problemi con i vicini” e a perseguire un cambio di regime. Tuttavia la Turchia non è stata capace di rovesciare il regime di Bashar al-Assad, e inoltre la sua strategia ha anche creato tensioni con l’Iran e la Russia e ha portato al deteriorarsi della situazione geopolitica del Paese. Ma c’è di più: la sua risposta inadeguata alla crescita dei gruppi jihadisti e il deteriorarsi della questione curda hanno influito negativamente sulla sua sicurezza. La fase finale, iniziata nel 2016, è caratterizzata da un approccio più pragmatico. Oggi l’ambizioso progetto “zero problemi” ideato da Ahmet Davutoğlu sembra arrivato a un perlomeno momentaneo collasso.

Autori: 
Dati bibliografici: 
Roma, IAI, ottobre 2017, 17 p.
Allegati: 
Numero: 
17|28
ISBN/ISSN/DOI: 
978-88-9368-057-8
Data pubblicazione: 
11/10/2017

Introduction
1. Zero problems with neighbours (2002–11)
2. Regime change (2011–16)
3. Recent developments (2016–present)
Conclusions
References

Area di ricerca

Tag